Confessioni di una nutrizionista olistica: l'illusione dei rimedi e delle cure naturali

Immagine: thanks to  shankara.it

Immagine: thanks to shankara.it

Ho speso dieci anni e più della mia vita nello studio dei rimedi e delle cure naturali per la salute e il benessere. Ho sperimentato su me stesso le medicine alternative, la nutrizione naturale, la naturopatia, il vegan-crudismo e altre discipline pseudoscientifiche.

Su quante cose mi sono ricreduto! Credenze, rimedi alternativi, cure naturali, integratori, beveroni e pratiche magiche promosse da saccenti senza titolo.

IN QUESTO ARTICOLO SI PARLA DI:

  • ERO UNA NUTRIZIONISTA OLISTICA
  • CREDENZE COMUNI DELLA NATUROPATIA
  • RIMEDI OMEOPATICI
  • GLI INFLUENCER DEL BENESSERE
  • TITOLI E ISTRUZIONE DEGLI PSEUDO-NUTRIZIONISTI
  • COSA HO IMPARATO SUI RIMEDI E LE CURE NATURALI
  • L'ILLUSIONE DELL'INDUSTRIA DELLA PERSUASIONE

Non voglio dire ora che tutto il mondo della medicina olistica e dell'alimentazione alternativa  siano solo fuffa.

Confrontandomi con questo mondo new age, ho imparato molte cose su come cucinare in modo più fantasioso, o usare lo stile di vita come prevenzione. Ma spesso in rete prendiamo certe informazioni come dogmi, senza metterle in dubbio o analizzarle empiricamente, se funzionano o meno.

Per questo mi sono immedesimato nella storia di Denby Royal, un ex nutrizionista olistica canadese che ha abbandonato quel mondo che ha scoperto essere perlopiù vuoto, superficiale e ingannevole.

“Dopo aver trascorso la parte migliore dell'ultimo decennio nel regno del benessere, ho l'obbligo morale di fare ciò che è giusto - dice Denby - E ciò che è giusto è di denunciare le mie precedenti credenze, condannando un'industria in preda all'inganno.”

Ecco il suo racconto. (Tradotto da ScieceBasedMedicine.org)

Ero una nutrizionista olistica

La cosa che mi ha portato a diventare una nutrizionista olistica, in primo luogo, è stata la mia innata capacità di dubitare e criticare assolutamente tutto ciò che mi circonda, un tratto che credevo di avere ben affinato. E la spada affilata di controllo che stavo brandendo si è trasformata in una spada a palloncino, probabilmente rosa e immaginaria al 100%. Ma io ero qui, con il tempismo della natura, a camminare a piedi nudi, predicare lo stile biologico senza indossare deodoranti, brandendo la mia spada a palloncino in faccia a tutti quelli che avrebbero ascoltato.

Olio di cocco!
Pesticidi!
Tossine!

Poi un giorno, la mia amata spada a palloncino mi scoppiò in faccia.

Come si è verificato questo cambiamento di eventi? È una storia contorta che sto ancora cercando di capire. Non riesco a collegarlo a un momento specifico, ma posso attribuirlo a una serie di eventi che hanno pervaso i miei ideali.

Uno dei primi cambiamenti è probabilmente dovuto ad una rivista assurda che pubblica nella mia comunità locale; una di quelle pubblicazioni piene di olio di serpente, guaritori di fede, pianeti e cospirazioni di praticamente tutto ciò che si può immaginare (lo sapevate che le montagne sono in realtà solo tronchi d'albero giganti ?!). Mi è stato persino chiesto di contribuire con il mio mucchio di sciocchezze. Ho gestito un'intervista prima che potessi visualizzare me stessa trascinata sotto l'autobus hippy.

Come è caduto il resto delle mie credenze sulla naturopatia

Un altro passo del mio sviluppo del pensiero critico è stato un breve periodo di lavoro in un negozio di alimenti naturali. Mentre lavoravo lì, mi sono resa conto seriamente dell'ampiezza e dell'oscurità del settore degli integratori. Un'intuizione, in un mondo di ciarlataneria dove l'industria multimiliardaria degli integratori, cela la sua mancanza di scienza e di prove al mondo. Un'industria non regolamentata che sicuramente mi ha ingannato nel credere di avere gli strumenti per salvarci, vendendo le parole "naturale", "olistico" e "benessere";

cosi’ si presentano in modo più onesto di quanto offerto dalla medicina tradizionale, ma è, difatti, pieno di prodotti disonesti, che mancano di prove o sono truffe dirette.

Lì, ero un partecipante attivo a tutta una serie di buffonate alternative e integratori, che promuovevo alla clientela, che scambiava me e i miei colleghi impiegati per esperti. Ma in realtà stavamo rigurgitando, con il meglio dell'intento, la spazzatura vomitata da ciarlatani come Joe Mercola e altri truffatori della Silicon Valley come Dave Asprey .

Oltre gli opuscoli che predicano la dieta chetogenica e tra gli scaffali pieni di scatole appariscenti di detergenti e bottiglie troppo costose di tinture di fungo non verificabili, si trova anche l'ultimo domino che si posa per far cadere la coda delle mie credenze: i rimedi omeopatici.

Rimedi omeopatici

Nel tentativo di espandere la mia conoscenza del prodotto, ho fatto ricerche sui diversi rimedi disponibili. Ho usato tutti i migliori siti web che confermano il bias e ho iniziato a lavorare. Rapidamente, ho scoperto che mi ero innamorata della più grande arma che l'omeopatia abbia, cioè il fatto che nessuno ha alcuna idea di cosa sia.

Ma una volta, dopo essere atterrata su un video di James Randi, il mio mondo si sbriciolò come un pezzo secco di torta paleo senza glutine. Senza dubbio, mi ero innamorata della falsa lingua della pseudoscienza in cui un boccone di vera medicina si mescolava a un numero di sciocchezze e convinzioni per ingannare così tante persone.

Gli influencer del benessere

Un altro domino è stato sicuramente quello dei social media. A volte ci ritroviamo a trasformati in una strana fusione di influencer dei social media; le persone che sembrano incarnare gli ideali esatti diventano avatar agli occhi della gente. Una cosa strana che mi è successa, e sono sicura che è successo ad altri, è stata una trasformazione nella vita reale, nella persona che internet voleva che io fossi.

Non necessariamente la persona che volevo diventare, ma un'identità che è stata plasmata dai Mi piace e richiesta dalla sezione dei commenti. Un mondo pieno di account Instagram magnificamente curati di magri yogi che raccolgono erbe selvatiche o fanno quiche crude. È estremamente surreale guardare indietro le foto di me stessa in quel periodo. Dai, Royal, a cosa stavi pensando?

Titoli e istruzione degli pseudo-nutrizionisti

Durante la breve istruzione che ho ricevuto per diventare una nutrizionista olistica, mi sono state fornite alcune preziose pietre miliari per iniziare a comprendere in generale come funziona il corpo - una comprensione che non ha assolutamente toccato nulla di vicino all'autorità in materia di salute.

Abbiamo trascorso 27 ore in classe sulla patologia della malattia e 30 ore combinate su anatomia e fisiologia. E non dimentichiamo le 12 ore dedicate alla biologia cellulare! Considera questi corsi in relazione alle 27 ore trascorse a studiare la connessione mente, corpo e spirito (sì, hai indovinato, ha coinvolto i chakra, i campi di energia umana e l'intuizione), propagandata come una scienza basato sull'evidenza.

Durante le 33 ore dedicate alla sintomatologia, abbiamo appreso le linee guida di base per la disintossicazione, le linee guida per il digiuno, con una forte enfasi sulla raccomandazione di cibi naturali, vivi e biologici. E naturalmente c'era molta demonizzazione di OGM e pesticidi e un'opposizione di fondo, ma non necessariamente menzionata, alla vaccinazione (non ufficialmente istruita nel corso, ma il tema era trattato come una discussione di gruppo in cui le opinioni personali e gli aneddoti avevano più peso di qualsiasi scienza).

Il corso più prezioso offerto dalla Dunning-Kruger School of Natural Nutrition è stato quello incredibilmente compresso di sei ore di ricerca sulla letteratura nutrizionale.

Questo corso ha esaminato i metodi per valutare la letteratura nutrizionale per credibilità, accuratezza e pregiudizi. Detto questo, le informazioni che ho ricavato dal corso di ricerca bibliografica mi hanno bloccato e mi hanno aiutato a tirarmi fuori dal mucchio di letame biologico in cui sono stata seppellita per così tanto tempo.

Ma non posso dire questo per molti altri che condividono la mia cattiva educazione. Una rapida ricerca su Internet può attirare numerosi esempi di professionisti olistici che predicano ben oltre il loro ambito di pratica. Nel mio paese, molti nutrizionisti olistici definiscono il loro ruolo di professionisti con la capacità di aiutare i clienti con un approccio più ampio di quello di un dietologo registrato, perché sono auto-regolamentati e quindi non legati alla scienza e alle prove.

Questa definizione è di per sé una dimostrazione della mancanza di credibilità e del pregiudizio cognitivo dilagante in un'industria delirante. Un credo generalmente accettato nel mondo del benessere è, che i nutrizionisti olistici, indipendenti dalla scienza basata sull'evidenza, sono simili ai crociati degli antichi insegnamenti che gli scienziati malvagi hanno ritenuto non validi o indegni di attenzione. È il loro destino smantellare Big Pharma con amore e luce, ignorando il ruolo del metodo scientifico, e brandendo integratori e clisteri di caffè - il tutto con una chiara disconnessione cognitiva dal come funziona realmente l'industria degli integratori.

Cosa ho imparato alla fine sui rimedi e le cure naturali?

C'è una ragione per cui ai nutrizionisti olistici è legalmente proibito usare parole come "trattare", "guarire", "prevenire" o "curare", ed è perché sono lontani anni luce dall'essere capaci di capire persino che cosa veramente comporta.

Con quello che ho acquisito dalla mia quasi-educazione, posso consigliare uno stile di vita e fornire indicazioni su come strutturare un solido piano alimentare. Questo è tutto. Non riesco né a diagnosticare il blocco metafisico sulla tiroide né a disintossicare il fegato (avviso: nessuno può farlo). Le regole cardinali (e piuttosto semplici) per nutrire un essere umano sano non sono state omesse dal curriculum: affrontare il sonno, raccomandare una varietà di cibi, la gestione dello stress e un regolare esercizio fisico.

Come ha detto Britt Hermes sulla sua educazione come naturopata: c'è solo abbastanza scienza per rendere credibile tutto il marketing del convincimento. Colpendo un po' di patologia con una dose abbondante di assurdità New Age come chakra e reiki, pensavamo di ottenere gli strumenti per cambiare la vita in meglio. Credevamo che fosse solo il mondo olistico a possedere una conoscenza vitale della dieta e dell'esercizio fisico, che era (presumibilmente) respinto dai medici impersonali.

In totale, la mia intera educazione come nutrizionista olistica è durata solo dieci mesi.

In seguito, mi è stato permesso di iniziare a prendere clienti immediatamente. Non sono state necessarie residenze o ore di pratica clinica per prepararci per il mondo reale e le interazioni con i pazienti reali. A differenza dei dietologi registrati qui in Canada, che devono conseguire una laurea in Scienze nutrizionali e qualificarsi per completare un tirocinio di 40 settimane o ottenere un master, la mia intera formazione come nutrizionista olistica ha richiesto solo 10 mesi. Abbiamo ricevuto un certificato: un pezzo di carta che dimostrava i nostri dieci mesi di know-how nutrizionale.

Dopo anni di autodiagnosi e prediche sulla dieta, posso solo esprimere un profondo apprezzamento per quelli che combattono in prima linea contro la pseudoscienza, tentando di mitigare il danno che fa alla medicina reale.

L'influenza della pseudoscienza non è innocua e ho visto in prima persona come attira le persone nei loro momenti di bisogno. Sono abbastanza fortunata che nella mia pratica ho avuto abbastanza lungimiranza per allontanare le persone che avevano bisogno di più assistenza di quanto non sapessi dare. Ma lungo la strada ho fatto molte raccomandazioni imbarazzanti e congetturali che costano a me stessa, e agli altri, troppi soldi e tempo.

L'illusione dell'Industria della persuasione

Quando non potei più accettare il mondo a cui avevo dedicato la mia carriera e la mia identità, presi la difficile decisione di lasciare la Chiesa della Persuasione.

È stata un'esperienza schiacciante per il mio ego, nello scoppiare e lasciar andare la persona che ero diventata attraverso un mix di ignoranza, disinformazione e un desiderio errato di essere diversi. E' Stato un lungo viaggio di insicurezza finché non ho trovato un vasto mondo di scettici che hanno brandito spade per decenni nella difesa della scienza.

Inizialmente, e dopo molte esitazioni, mi sono decisa a scrivere sulla mia decisione di lasciare il mondo del benessere, sul mio blog personale.

Molti dei commenti che ricevevo mi accusavano di essere solo una "pubblicitaria" per la Big Pharma - anche se accetterei volentieri un assegno da parte di Pfizer. Ciò che mi ha spinto a superare tutte queste assurdità sono stati i numerosi commenti che ho ricevuto da altri nutrizionisti olistici, molti dei quali hanno sperimentato lo stesso senso di disprezzo nei confronti della loro educazione limitata o hanno testimoniato la mancanza di rispetto e comprensione per la vera scienza che dilaga nel settore. Soprattutto, è stato il supporto travolgente che ho trovato da amici e sconosciuti nella comunità del benessere, che temevo fortemente avrei perduto.

Ti e' piaciuta la testimonianza di Denby? In cambio del mio lavoro di ricerca e traduzione, ti chiedo solo di dirmi quello che pensi nei commenti oppure condividi con i tuoi amici. Grazie